Così la psicoterapia può aiutare gli expat

Solitudine, sradicamento, assenza del supporto del proprio gruppo: cosa vive un expat? Chiara e Alessandro ne parleranno su Linkiesta

Chiara Virgilio e Alessandro Secci

Mariusz Kluzniak/Flickr

Mariusz Kluzniak/Flickr

Perdita dei punti di riferimento, solitudine, sensazione di sradicamento. Aspettative disattese. Ecco alcuni degli aspetti psicologici, spesso sottovalutati, che un expat affronta quando lascia il proprio paese e va a vivere all’estero. Una volta che si è trovato l’alloggio, sistemate questioni come visto o lavoro, bisogna fare i conti con il cambiamento appena avvenuto: nuove abitudini e un contesto profondamente diverso da quello lasciato. Non si è più immersi nel tessuto sociale italiano e non si può più contare sul supporto del nostro gruppo di riferimento.

«Quando si emigra si perde il supporto del proprio gruppo di riferimento»

Noi siamo Chiara e Alessandro, due psicoterapeuti che come molti altri italiani all’estero hanno lasciato il Bel Paese per vivere e lavorare nella capitale britannica. Alessandro con una formazione in Psicoterapia maturata in quindici anni di esperienza tra Bologna e Firenze, e Chiara una formazione a Roma prima in Psicologia poi in Psicoterapia dei gruppi. Insieme ci occupiamo del fenomeno degli expat sia in ambito di psicoterapia individuale che soprattutto in ambito di gruppo.

Su Linkiesta curiamo una rubrica mensile dedicata ai temi che caratterizzano il vissuto degli expat. Esploreremo i temi dell’autostima, dei rapporti con le distanze e i confini. Sarà un viaggio che scorrerà parallelo al percorso di gruppo per italiani a Londra iniziato lo scorso 11 aprile.

http://www.linkiesta.it/depressione-expat

About alesecci

I am a Psychoanalytic Psychotherapist and Art Psychotherapist. I work with adults in individual and group sessions. I have been a therapist for 15 years and in private practice working extensively with clients who suffer from different disturbs. I help clients overcome emotional difficulties, self-sabotaging behaviors, body problems, bereavement and depression, traumatic experiences and addictions. I am a researcher in Integrative Therapy. I have been using Advanced Integrative Therapy tools in my private practice since 10 years. I am interested in spiritual growth, religion, Taoism, physics and Jungian psychology.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s